Consigli, riflessioni, novità scientifiche e commenti sulla medicina e la chirurgia estetica.

La tossina botulinica potrebbe curare certe emicranie

Posted by admin

Secondo un articolo apparso su Le Point, la tossina botulinica potrebbe curare certe emicranie. Queste si dicono “implose”, (dove la testa è come presa in una morsa), ed “oculari” (coi dolori al livello dell’occhio) sarebbero attenuate largamente dalle iniezioni, mentre per le emicranie “esplose” (che danno l’impressione che la testa sembra esplode) darebbero minore sollievo, secondo uno studio americano su alcuni pazienti e pubblicata negli Archives of Dermatology. Secondo questo studio basterebbero piccole dosi di questo medicinale.

Christine Kim, del Beth Israël Deaconess Medical Center a Boston (Massachusetts), ed i suoi colleghi hanno voluto confermare queste prove. Hanno condotto un studio su 25 pazienti, di cui 18 sono andati fino alla fine e sono stati analizzati.

Nelle persone trattate, la frequenza delle emicranie è diminuita in media da 6,8 giorni a 0,7 giorno per mese. Ma è necessario, secondo questi ricercatori, scegliere i “migliori” sotto-tipi di emicranie da trattare.

Trapianto di capelli, la riuscita di Berlusconi

Posted by admin

8 dicembre2010. Si sa che parecchie personalità, soprattutto attori, hanno avuto ricorso al trapianto di capelli con risultati notevoli.
prima del trapianto di capelli

Raramente ci si è potuto rendere conto della metamorfosi della loro capigliatura, perché spesso hanno beneficiato di un trapianto prima che la loro calvizie diventi visibile. Per l’attuale primo ministro italiano la storia è differente. Si può vederlo qui a sinistra, nel 2005, prima di ogni trapianto o trapianto capillare.

durante il trapianto di capelli Qui, Berlusconi con una specie di turbante sulla testa, quando si lasciava fotografare in modo abbastanza disinvolto, dopo avere subito il suo trapianto di capelli durante l’estate del 2007.

Si direbbe perfino che il suo copricapo lo diverta. Aveva dichiarato pubblicamente di essersi sottomesso ad un trapianto di capelli o trapianto capillare.

Qui sotto, Berlusconi in una foto recente, con una capigliatura degna di Big Jim o di Ken, lo sposo di Barbie.

durante il trapianto di capelli

Niente male per un uomo di 74 anni !

Twitter      facebook

La Spagna campione del mondo… di medicina estetica!

Posted by admin

medecina-estetica-spagna.jpg

11/07/2010. Si fa fatica a crederlo, ma la stampa internazionale specializzata non lascia nessun dubbio: la Spagna è il primo paese d’Europa in quanto al numero annuo di interventi di medicina estetica, malgrado la sua popolazione di appena 40 milioni di abitanti. Ma è anche il 5° paese al mondo per il numero annuo di interventi di medicina estetica, mentre come popolazione, non è neanche tra i primi 20. Nel 2009, malgrado la crisi, il consumo di botox ha aumentato del 25%.

È il primo paese al mondo per l’utilizzazione della medicina estetica dunque, in proporzione al numero dei suoi abitanti.

Volete una spiegazione scientifica? Questo è anche, probabilmente, il paese del mondo di cui le donne si espongono più lungamente al sole. Del resto, la frase di spagnolo più conosciuta al mondo buono “Vamos a la playa”, no? L’esposizione prolungata al sole invecchia precocemente la vostra pelle.

Botox suona inoltre terribilmente bene in spagnolo. Avete un’amica spagnola? Chiedetegliti “Te gusta el botox, chica? Suona bene, no? Poi, allontanatevi, perché, se è “caliente”, potrebbe tirarvi una sberla…

facebook  Twitter  Google Buzz

Lampade abronzanti a ultravioletti, un rischio grave

Posted by admin

abronzanti

Se si credono i risultati di uno studio pubblicato sul sito della TV americana CNN recentemente, gli utilizzatori abituali delle lampade abronzanti a ultravioletti sono tre volte più soggetti della media al tipo di cancro della pelle più letale, il melanoma.

Il FDA, Food and Drug Administration, che è un potente dipartimento del ministero della salute americano, sta per disciplinare in modo più rigoroso l’utilizzazione delle lampade abronzanti a ultravioletti a negli Stati Uniti.

Ciò che non sembra una cattiva idea, vista l’infatuazione della popolazione o questo metodo artificiale di abbronzatura. Difatti, una delle pazienti malate di melanoma interrogata dal FDA, la Sig.ra Amy Waldrop, di Clifton, Virginia, ha dato una testimonianza che dà la misura del problema. “Perfino dopo aver visto le cicatrici causate dagli interventi chirurgici dovuti al mio cancro, le mie due figlie adolescenti hanno continuato ad utilizzare le lampade abronzanti, dicendo che se sono legalmente ammesse, non possono essere pericolose…”.

Un’assuefazione che somiglia a quella del fumo.

facebook  Twitter  Google Buzz

Cellulite, arriva l’incubo primaverile

Posted by admin

cellulite

Non dico estivo, perché in estate l’incubo sparisce, a causa del risveglio alla realtà, come spiegherò dopo. In primavera, invece, l’arrivo imminente dell’estate trasforma l’idea della spiaggia, di cui si è sognato tutto l’anno, in incubo, per poco che il nostro corpo presenti della cellulite. Mi permetto di riportare alcuni casi constatati nel mio ambiente :

  1. Una donna che ha preso un torcicollo acuto a forza di controllare il livello della cellulite sui suoi glutei
  2. un’altra che ha chiesto un prestito bancario per pagarsi creme e trattamenti contro la cellulite
  3. truffe dovute alla fiducia cieca  (o disperata?) posta nei trattamenti miracolo
  4. delle prodezze atletiche di resistenza degne di un maratoneta, nella speranza di eliminare la maledetta cellulite
  5. i forum su Internet che abbondano di messaggi del tipo : ” Per favore mi dà l’indirizzo di questo famoso esperto in massaggio con la tecnica del ” palpare rotolare piallare”, o mi dica almeno se ha dei colleghi nella mia regione, abito a Capri (!). Oppure : ” Ho la cellulite da 40 anni, nove mesi e 17 giorni, qualcuno può aiutarmi? “

Il timore che mia moglie potrebbe aderire a questo club mi ha dato dei tali brividi, che ho escogitato dei rimedi :

  1. acquistare un appartamento al quarto piano senza ascensore = esercizio quotidiano assicurato
  2. se c’è l’ascensore, trovarne l’interruttore e bloccare la ” cellulitofoba” nell’ascensore parecchie volte, fino a convincerla a prendere le scale
  3. acquistare della vaselina russa, con etichetta in cirillico. Cosi’ si può vendergliela come crema miracolo, economizzando il proprio denaro
  4. dirle che l’istruzioni per l’uso cirilliche prescrivono 2 ore di auto-massaggio al giorno. La cellulite sparirà non a causa della vaselina, ma dello sforzo fisico prolungato.
  5. fargli trovare ”  per caso”  una di queste riviste people zeppi di ” scoop”  del tipo:  ”  Britney Spears invasa dalla cellulite” con cui può consolarsi, vedendo che anche le star ne sono afflitte.

In ogni caso, basta tenere duro fino all’estate. Vedendo sulla spiaggia un’ostentazione di cellulite molto peggiore della proprio,la nostra cellulitofoba si rassegnerà. Fino alla primavera prossima.

facebook  Twitter  Google Buzz

Dire addio a rasoio e schiuma grazie alla depilazione laser permanente

Posted by admin

depilazione

La novità viene, come al solito, degli Stati Uniti. Ci sono degli uomini che si fanno radere in modo permanente con la depilazione laser o a luce pulsata. Bastano quattro o cinque sedute, e hop, non si ha più bisogno di rasoio né di schiuma da barba per cinque o sei anni. La depilazione è talvolta perfino definitiva.

In più, l’operazione può essere anche economicamente redditizia. Ciò dipende dal tempo che si mette a radersi ogni mattina, ma anche della marca di lamette che si utilizza. In certi casi si può superare un centinaio di Euro all’anno solo per le lamette.

Ma, c’è un ma: questa tecnica è vivamente sconsigliata per certi tipi di pelle. Per esempio, la pelle di tutti quelli che amano cantare o riflettere radendosi…

Twitter Google Buzz

Medicina estetica, occhio alle news

Posted by admin

depilazione

Il mercato della depilazione definitiva tira, dunque non bisogna stupirsi di vedere delle news che spuntano come fughi sul web. L’ultima ondata di news riguarda il nuovo depilatore di Philips, il Lumea. Secondo il Daily Telegraph, sarebbe “il sacro Graal della depilazione.” Altro che scherzi! Talvolta gli elogi di questo nuovo apparecchio sono così copiosi che ci si chiede se quelli che scrivono non abbiano interessi nascosti, per esempio l’acquisto di spazi pubblicitari sul loro giornale. Scriviamo per laclinica Paradis, non lo si nasconde. Tuttavia, cerchiamo di essere obiettivi.

Vediamo di paragonare questa nuova meraviglia tecnologica ad una depilazione alla luce pulsata realizzata da un centro specializzato di medicina estetica. Come fonte, utilizzeremo il sito stesso di Philips, per evitare ogni sospetto di essere troppo critici al suo riguardo.

Primo: contrariamente a ciò che lasciano intendere certi articoli di stampa, il Lumea non riguarda la depilazione definitiva. In effetti, Philips dice “Utilizzate Lumea ogni quindici giorni sulle ascelle, e ogni quattro settimane sulle gambe.

Poi, in quanto alla sicurezza della sua utilizzazione ed ai pericoli di effetti collaterali dell’epilazione che possono essere disastrosi: “Se il depilatore alla luce pulsata Philips Lumea è utilizzato correttamente, la depilazione si fa con dolcezza ed in tutta sicurezza, su pelle e zone sensibili. …Se! …E se no? In quanto all’applicabilità ai differenti tipi di pelle: “Non adatto ai peli rossi, grigi, biondo chiaro, ed alle pelli scure. Philips Lumea è efficace sui peli naturalmente biondo scuro, castani e bruni. Philips Lumea non è adatto alle persone di cui i peli sono naturalmente rossi, grigi o biondo chiaro. Philips Lumea non è adattato alle pelli molto scure, tipo VI.” Una volta di più, la pelle degli utenti è affidata alla loro capacità di giudizio…

Lascia perplessi anche la durata della lampada: “Philips Lumea è attrezzato con una lampada di una durata di circa 40 000 flash.” Ora, visto il numero di flash per minuto, ciò non sembra granché.

Infine, il prezzo di 499 Euro: comprendiamo perché è parecchie decine di volte inferiore a quello di un apparecchio professionale alla luce pulsata. E voi?

Twitter Google Buzz

Il dott. Photoshop, mago della chirurgia estetica

Posted by admin

Un poco di ricreazione, senza essere cattivi.

 estetica

Questa foto mostra gli effetti di estetici di labbra “gonfiate” con chirurgia estetica al silicone.

Ciò suscita in noi delle domande: voleva veramente ottenere un effetto simile?

Se è così, a che scopo? Avere una bocca capace di succhiare con una pressione di tre bar? Forse il suo sposo fa l’idraulico e deve effettuare degli sturamenti frequenti per aiutarlo? O fa la gommista e ha bisogno di gonfiare dei pneumatici con la bocca?

 Photoshop estetica

Guardiamo adesso l’immagine qui sopra. Britney Spears prima e dopo il ritocco col famoso software di trattamento delle immagini. Meglio della chirurgia estetica, no!? Soprattutto, molto meno caro…

Twitter

Lotta alla cellulite, attenzione alle tecniche dubbiose

Posted by admin

Articolo originale. Fonte: Tennessean.com. Ci sono delle tecniche per eliminare la cellulite che ci sembrano perlomeno dubbiose. Un esempio.

estetica cellulite

Con il sistema Zeltiq (foto : cortesia del centro di chirurgia laser e facciale di Nashville) , una fascia di pelle ed il suo grasso sono pressate tra due placche che sono abbastanza fredde per ledere il tessuto grasso, ma non lo strato superiore di pelle. Durante alcuni mesi successivi, lo strato grasso crolla e diventa più magro.
Le cellule grasse ferite muoiono e sono riassorbite ed evacuate del corpo.

La procedura non è stata approvata ancora dal FDA, Food and Drug Administration, per la riduzione del grasso. Ora, non si dubita dell’efficacia di questa tecnica quanto all’eliminazione della cellulite. Ciò che ci fa paura è l’eliminazione delle cellule morte. Come queste devono passare necessariamente dai vasi sanguigni, ci si chiede se non rischiano di incrostare le pareti dei nostri vasi o delle nostre arterie, con le conseguenze più o meno nefaste.

Depilazione: si fanno “arrostire” da un incompetente

Posted by admin

In Nuova Zelanda, un medico di medicina cinese è stato punito per avere contravvenuto ai diritti dei pazienti dopo che due donne hanno subito delle reazioni severe al trattamento di depilazione che ha praticato. Le donne hanno sviluppato del rossore, con dolore e vesciche, dopo il trattamento di depilazione a luce pulsata intensa. Il medico non ha testato la pelle delle donne.

Dopo quattro trattamenti ordinari, la prima donna ha provato un certo rossore al quinto trattamento e del dolore intenso al sesto. Dopo 36 ore le sue gambe avevano delle vesciche e ha chiesto l’aiuto di un centro medico. Ha visto anche un dermatologo che ha detto che troppa energia era stata utilizzata durante la procedura. È tornata alla clinica dove il medico ha consentito a rimborsare interamente la sua parcella.

La seconda donna è stata anche d’accordo con sei trattamenti prepagati e non ha fatto testare la sua pelle. Ha provato ” molto dolore” e ha avuto delle vesciche alle gambe dopo il terzo trattamento. Il commissario della salute la Sig.na Rae Lamb ha constatato che, poiché il test di pelle non è stato eseguito, il medico aveva omesso di seguire le dovute procedure di sicurezza.

La lezione da trarre di questa storia è evidente. La depilazione a luce pulsata non ha effetti collaterali, purché confidiate la vostra pelle ad un medico estetico esperto.
facebook  Twitter