Consigli, riflessioni, novità scientifiche e commenti sulla medicina e la chirurgia estetica.

Prevenire le smagliature degli adolescenti senza medicina estetica

Posted by admin

smagliature estetica

Si è visto che le smagliature degli adolescenti sono più comuni tra le ragazze che tra i ragazzi. Si formano di solito sulle anche, le cosce, i glutei ed i seni. Sono in gran parte provocate dagli sbalzi di crescita improvvisi e dagli aumenti di peso. I ragazzi che si impegnano attivamente nello sport fisico, particolarmente nelle attività di culturismo, sono più inclini alle smagliature, che diventano la prova dei cambiamenti rapidi nel corpo adolescente.

È stato suggerito anche che l’utilizzazione di steroidi orali puo’ essere un fattore che contribuisce coll’applicazione di unguenti di steroidi e delle creme, particolarmente quando utilizzato eccessivamente. Durante la tappa della pubertà, il corpo produce i livelli più alti di ormoni che circolano via il sistema sanguigno. Ciò perciò è ritenuto contribuire alla formazione di smagliature.

Le smagliature degli adolescenti sembrano essere spesso delle iscrizioni purpuree o argentate sulla pelle, molto simili alle cicatrici. Per il fatto che la società ha imposto una norma di perfezione che include la pelle impeccabile, si considerano naturalmente le smagliature come brutte. Tuttavia, a differenza delle smagliature degli adulti, le lacrime lineari argentate nella pelle si cancellano spesso in breve tempo, sebbene ce ne siano certe che non spariscono veramente.
Una misura preventiva conosciuta delle smagliature adolescenti include degli esercizi regolari e l’abbondanza di stiramento per impedire efficacemente il grasso di immagazzinarsi in certi settori inclini alle smagliature. Per lo stiramento, si darà alla pelle l’opportunità di distendersi naturalmente. Le creme per la pelle e le creme idratanti possono essere applicate anche sulla pelle su base regolare per mantenere la pelle agile ed abbastanza elastica per adattarsi alla crescita.
facebook  Twitter

La clonazione capillare, nuovo prodigio della medicina estetica?

Posted by admin

medicina esteticaArticolo originale, diritti d’autore microgreffe.com – fonte dell’informazione: Intercytex Group plc – Manchester- U.K. – Quest’informazione è sotto la responsabilità dei loro autori e non impegna il ns. sito. Si tratta di una nuova tecnica autologa (con auto-trapianto) di rigenerazione dei capelli per la calvizie maschile e l’ alopecia femminile. Un piccolo campione di follicoli pilosi del tessuto per l’innesto di capelli è preso del paziente durante una semplice operazione effettuata sotto anestesia locale alla clinica. Il tessuto è inviato all’impianto industriale di Intercytex, una società con sede a Manchester nel Regno Unito, in cui le cellule delle papille dermiche induttive di capelli sono dissociate dal resto del follicolo. Queste cellule sono coltivate ed estese in laboratorio per oltre otto settimane e successivamente rimandate alla clinica in una sospensione sterile.

Utilizzando un sistema di trasmissione specializzata, le cellule delle papille dermiche induttive di capelli sono microiniettate in via intradermica nel cuoio capelluto del paziente. Il trattamento è eseguito sotto anestesia locale e comprende una procedura di iniezioni superficiali, ogni iniezione inoculando un volume infimo di culture che contengono delle cellule di papille dermiche capaci di stimolare la nuova crescita di capelli. Dopo la procedura, la nuova crescita di capelli dovrebbe diventare evidente dopo circa tre mesi.

Medicina estetica – i led attenuano le rughe

Posted by admin

medicina esteticaDei ricercatori tedeschi descrivono un’alternativa potenziale al botox ed alla chirurgia estetica per attenuare le rughe del viso. Il loro studio riporta che la luce visibile di alta intensità emessa dai diodi (LED), applicata quotidianamente durante parecchie settimane, ha prodotto “una pelle ringiovanita, delle rughe ridotte, un colorito giovanile ed una resistenza duratura”.

I LEDs sono delle luci in miniatura utilizzate in vari prodotti, dal telecomando della TV ai semafori.

Nello studio, Andrei P. Sommer e Dan Zhu sottolineano che la luce visibile ad alta intensità è utilizzata in medicina da più di 40 anni per accelerare la guarigione delle ferite. Questa luce penetra infatti nella pelle, creando dei cambiamenti nei tessuti sottocutanei. Gli scienziati ignorano a tutt’oggi, tuttavia, la natura fisico-chimica di questi cambiamenti. Il loro rapporto determina come la luce visibile funziona: cambiando la struttura molecolare di uno strato adesivo di acqua sull’elastina, la proteina che conferisce la sua elasticità alla pelle, i vascelli sanguigni, il cuore, ed altre parti del corpo. In senso figurato, la luce caccia via queste molecole di acqua che partecipano all’immobilizzazione dell’elastina, restaurando progressivamente la sua funzione elastica e dunque riducendo le righe del viso.

“Abbiamo tutte le ragioni di credere che il nostro approccio non può essere convertito facilmente in programmi di ringiovanimento corporeo profondo”, dichiarano i ricercatori.

facebook

Mani umidicce? Ci pensa la medicina estetica!

Posted by admin

medicina estetical non vi è successo mai di stringere la mano a qualcuno ed avere la sgradevole sensazione di toccare una pelle umidiccia? Vi è capitato forse di giudicare un po’ questa persona, considerandola a disagio o incapace di controllare le sue emozioni.

Ebbene, non è l’emotività mal controllata la causa delle mani umidicce, quantunque un’iperattività del sistema simpatico sia in causa. Si tratta di un’anomalia patologica, ereditaria nel 70% dei casi che toccano quasi 60 milioni di persone nel mondo, causando un ipersudorazione delle palme, o, secondo i casi, dei piedi, dellle ascelle, o del viso. Al di là dell’imbarazzo o della cattiva impressione che ciò suscita nei loro interlocutori quando stringono loro la mano, queste persone provano delle difficoltà non trascurabili con le tastiere dei computer e dei telefoni portabili, con le racchette da tennis, ecc.

Tra i rimedi preparati dalla medicina estetica, la ionoforesi è un trattamento a vita che richiede delle sedute regolari. Il botox, approvato in parecchi paesi per il trattamento dell’iperhidrosi, sembra più praticabile, soprattutto perché si può utilizzarlo solamente quando è necessario, per esempio quando si devono scambiare delle strette di mano particolarmente importanti…
facebook

La medicina estetica, istruzioni per l’uso

Posted by admin

medicina esteticaLa medicina estetica diventa sempre più potente. Numerose possibilità sono offerte per ringiovanire il proprio aspetto, addirittura modificarlo considerevolmente. È normale che ci siano degli abusi, dal momento che non è facile discernere i limiti ed i rischi di effetti secondari di tale o tale altro intervento. Per evitare di chiedere troppo alla scienza, o al proprio corpo, occorre sapere ciò che si vuole. È quasi una questione filosofica.

Quale il valore è che vogliamo accordare al nostro aspetto estetico? Quanto interagisce con la nostra psicologia, la nostra auto stima, la nostra spigliatezza nelle relazioni con gli altri? Ci sono delle variabili suscettibili di cambiare enormemente secondo l’individuo, il suo profilo psicologico, la sua vita affettiva o professionale. Se il mio mestiere mi espone spesso allo sguardo del pubblico (giornalista, receptionist, cassiera), il mio aspetto sarà di tanto più rilevante.

L’etica gioca un ruolo non trascurabile. Bisogna farsi delle domande. Quale l’importanza che accordo all’amicizia, alle relazioni personali? Il mio aspetto esterno va tenuto in giusta considerazione:  da una parte, renderlo più piacevole non basta a cambiare profondamente le mie relazioni con gli altri;  d’altra parte, un aspetto ringiovanito o migliorato può facilitarle in una misura che varia secondo la persona, il suo sistema di valori, la sua situazione.
facebook

La crisi del 2009 colpisce il mercato mondiale dell’estetica

Posted by admin

medicina esteticaLa crisi del 2009 colpisce il mercato mondiale dell’estetica. Secondo l’IMCAS, Internazionale Master Course for Ageing Skin, congresso europeo dedicato ai chirurghi plastici ed ai dermatologi che si tiene dall’ 8 al 11 gennaio, al Palazzo dei Congressi a Parigi, la diminuzione sarebbe stata del 15%, di cui il 40% la medicina estetica ed il 15% per la chirurgia estetica. Utilizziamo il condizionale perché queste cifre non ci sembrano completamente affidabili. In effetti, se la medicina estetica ha perso il 15% e la chirurgia il 40%, è evidente che la diminuzione globale del mercato dell’estetica dovrebbe essere dell’ordine di almeno il 30%, e non il 15%.

Certo, se ci fosse stato un contributo di rottamazione, come per le automobili, questo mercato sarebbe andato molto meglio. Lo stato avrebbe potuto concedere 20 Euro per ogni chilo di grasso succhiato con una liposuzione, o per ogni centimetro di rughe eliminate. In fondo, si tratta anche qui di carrozzerie…
facebook